Otoscan® - una nuova opportunità destinata a lasciare il segno nel settore delle audioprotesi

OTO_Otoscan_work_situation

Durante gli anni passati, diversi audiologi sono stati impegnati a testare Otoscan nei loro centri come parte di un programma di facile adattabilità. Il feedback finora è stato grandioso.

Servizi audioprotesici personalizzati
Per resistere alla concorrenza in un mercato sempre più competitivo è fondamentale che i professionisti dell’udito siano in grado di fornire servizi audioprotesici personalizzati ed efficienti. Abbiamo chiesto a Peter Sotiropoulos, audioprotesista membro dell’American Academy of Audiology e titolare del certificato di idoneità professionale CCC-A, di esporci le sue prime impressioni su Otoscan e sulla possibilità di offrire nuove modalità di trattamento personalizzato ai propri pazienti attraverso questo strumento. A tale proposito il dott. Sotiropoulos, che sta utilizzando Otoscan nel proprio centro, il Hearing Rehabilitation Center in Kanakee, Illinois, dal dicembre 2017, conferma l’enorme potenziale di questa novità.       

“Otoscan ci consente di migliorare i servizi attualmente offerti ai nostri pazienti affetti da disturbi dell’udito attraverso soluzioni personalizzate. L’approccio adottato dal nostro centro rispetto al fitting audioprotesico tradizionale è interamente orientato alla personalizzazione in termini di fitting, programmazione e consulenza. Ogni aspetto viene valutato su misura in funzione delle esigenze di ogni singolo paziente” afferma Sotiropoulos.   

 

Maggiore interazione con i pazienti
Il dott. Sotiropoulos ritiene che la tecnologia alla base di Otoscan favorirà l’istaurarsi di un rapporto ancora più interattivo tra medico e paziente. Grazie a Otoscan, infatti, il paziente può vedere l’immagine acquisita del proprio condotto uditivo in tempo reale, durante la scansione, mentre il medico fornisce tutti i dettagli anatomici e strutturali.           

“L’immagine digitale generata da Otoscan ci consente di relazionarci con i pazienti in modo completamente diverso. Il paziente può vedere con i propri occhi e comprendere le sfide legate alla realizzazione della protesi adatta al suo orecchio, soprattutto se il condotto uditivo presenta una forma particolare” dichiara Sotiropoulos. “Inoltre, i pazienti che hanno riscontrato delle difficoltà con la chiocciola a causa della forma insolita del proprio condotto uditivo, grazie alla possibilità di vedere l’immagine digitale prodotta da Otoscan sono più propensi a provare un nuovo apparecchio acustico. Ciò consente al paziente di osservare e partecipare attivamente alla scelta della soluzione più idonea.”  

 

Efficienza: la chiave del successo  
Per la maggior parte dei gestori di un centro audioprotesico, l’ottimizzazione dei processi e l’incremento dell’efficienza rappresentano dei fattori prioritari durante la scelta di una nuova apparecchiatura. Oltre a questi elementi, per il dott. Sotiropoulos e il suo staff la riduzione al minimo dei tempi di realizzazione delle chiocciole costituisce un obiettivo primario verso la fornitura di un servizio personalizzato ed efficiente. Il processo di scansione digitale 3D dell’orecchio con Otoscan offre un valido contributo in questo senso, come illustra Sotiropoulos:      

“Puntiamo a ridurre al minimo i tempi di realizzazione delle chiocciole. Per quanto riguarda la spedizione, Otoscan ci consente di risparmiare da 3 a 5 giorni per ogni ordine di apparecchi acustici. Anche nel caso di reso il “secondo giorno”,  permette di guadagnare da due a tre giorni di tempo in fase di trasmissione di una scansione per un prodotto nuovo o adattato. Inviando un’immagine, anziché un’impronta in silicone, è possibile guadagnare quei 2-3 giorni iniziali. Ciò non inciderà sostanzialmente sulla spedizione di reso, tuttavia dimezzare o ridurre ulteriormente le tempistiche per la spedizione si traduce in un risparmio di tempo notevole.”  

 

Il futuro delle soluzioni audioprotesiche personalizzate
Otoscan consente ai professionisti dell’udito di ottenere delle impronte digitali per dispositivi endoauricolari personalizzati come le chiocciole e gli apparecchi acustici. Lo scanner si avvale di una tecnologia innovativa di conversione delle immagini dell’orecchio in file digitali 3D che, una volta caricati sul servizio cloud Otocloud™, sono immediatamente disponibili per la realizzazione di prodotti personalizzati, garantendo maggiore efficienza e qualità al ciclo produttivo delle protesi acustiche.   

 

Verso il futuro con Otoscan. 
 

Come può Otoscan fare la differenza nel tuo centro?

Resta in contatto circa Otoscan